Archivi Blog

Puntata 106 del 6 Giugno 2016

CULTURA

I segreti della storia della radio, della televisione, del cinema e del computer vengono svelati da un Museo unico al mondo: il Pelagalli di Bologna, dichiarato patrimonio dell’Unesco. Ce ne parla il suo fondatore e direttore, Giovanni Pelagalli, in studio con Francesca Valentini.

http://www.museopelagalli.com

.

ARTE

Con la mostra “Da Lotto a Caravaggio. La collezione e le ricerche di Roberto Longhi”, la città di Novara rende omaggio alla figura di Roberto Longhi, uno dei maggiori studiosi dell’arte italiana. Ce ne fa un ritratto Maria Cristina Bandera, curatrice della mostra, e direttrice della Fondazione Roberto Longhi. Marco Leone l’ha incontrata.

http://www.fondazionelonghi.it

.

VINO

Il Treno dei Vini dell’Etna fa riscoprire la cultura e i sapori di un territorio e il suo patrimonio storico e paesaggistico all’ombra del maestoso vulcano, come racconta l’assessore al Turismo della Regione Sicilia, Anthony Barbagallo, al microfono di Alessandro Mantero.

Il Treno dei Vini dell’Etna

Puntata 25 del 13 Ottobre 2014

.

.

Ascolta la Puntata 25 del 13 Ottobre 2014

TECNOLOGIA

Alcuni ricercatori italiani hanno creato una super batteria che, sfruttando il grafene, produce un quarto di energia elettrica in più del normale. Si aprono così nuove prospettive: dalle auto elettriche agli smartphone. Alessandro Bettero ne ha parlato con Vittorio Pellegrini, direttore dei Graphene Labs dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova.

Graphene Labs, Genova

.

ARTE

A Firenze, inedito connubio tra la pittura del Pontormo e alcuni piatti del Cinquecento interpretati da chef di fama internazionale. Un’esperienza raccontata nel libro “La Tavola del Pontormo”. Ce ne svela i retroscena una delle curatrici, la storica dell’arte Ludovica Sebregondi, al microfono di Francesca Valentini.

La tavola del Pontormo

.

ECONOMIA

Con quali nuovi strumenti le piccole e medie imprese italiane possono competere in un mercato globale sempre più agguerrito? Alessandro Bettero lo ha chiesto al professor Fabio Papa, docente di Strategia Internazionale all’Università di Castellanza.

Università di Castellanza